Al via Over The Real – Festival Internazionale di Videoarte a Viareggio

annamaria monteverdi/ novembre 15, 2016/ videoarte

Dopo il successo dello scorso anno la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Lorenzo Viani presenta la seconda edizione di Over The Real – Festival Internazionale di Videoarte che si svolgerà dal 17 al 20 novembre 2016.
Il Festival è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ed è patrocinato dalla Provincia di Lucca, dalla Regione Toscana e dal Comune di Forte dei Marmi.

Quattro giorni di proiezioni, talk, workshop, performance ed eventi collaterali che quest’anno vedranno coinvolta anche una nuova sede: la Fondazione Villa Bertelli di Forte dei Marmi che ha aderito all’intento della GAMC di realizzare una manifestazione che coinvolga ampiamente il territorio versiliese.

Over The Real, diretto da Maurizio Marco Tozzi e Lino Strangis, presenta le più significative linee di ricerca emergenti degli ultimi anni nel panorama internazionale delle arti audiovisive, grazie alla presenza di artisti, critici, curatori e ricercatori fra i più illustri del settore. Un Festival che delinea lo stato dell’arte contemporanea in questo presente caratterizzato soprattutto dalla estrema accessibilità e potenza degli strumenti digitali che permettono una enorme quantità di soluzioni estetiche. Una storia iniziata come nicchia (la cosiddetta videoarte) che si è trasformata oggi in un fenomeno estremamente evoluto e complesso.

INGRESSO LIBERO

Programma completo: www.overthereal.com

ELENCO ARTISTI PER SELEZIONE

Selezione INTROSPEZIONI a cura di Maurizio Marco Tozzi
MIST (Alessandro Amaducci + Eleonora Manca) (Italia) – Transient, 3’12”, 2015

Michele Sambin (Italia) – Diogene 1977_2016, 5’32”, 1977-2016

Duygu Nazlı Akova (Turchia) – Hive, 4’00”, 2014

Isabel Perez De Pulgar (Spagna/Francia) – Helix Aspersa, 6’04”, 2016

Angelica Bergamini (Italia/Usa) – Meditation, 1’31”, 2016

Marcantonio Lunardi (Italia) – The Cage, 5’46”, 2016

Sofia Bersanelli (Italia) – Ritorno a mia madre, 6’20”, 2015

Alberta Pellacani (Italia) – Camminare sull’acqua, 3’22”, 2016

Rodrigo Noya (Argentina) – Composition n°2, 5’06”, 2016

Selezione C.A.R.M.A. a cura di Lino Strangis e Veronica D’Auria

Carmelo Brustia (Italia) – Born, 6’43”, 2016

Lino Strangis (Italia) – A strange earthquake of the mind, 6’45”, 2016

Boris Labbé (Francia) – Any Road, 10’04”, 2016

Ahmad Nejad (Iran) – Quelques minutes de rêve, 3′,53”, 2014

Masoud Moein Eslam (Iran) – Tehran, 2’55”, 2015

Christin Bolewski (Germania) – shizen?natural, 7’15”, 2015

Roberto Opalio / My Cat is an Alien (Italia) – The Antigravitational Sense Of Nothingness, 4’16”, 2016

Antonello Matarazzo (Italia) – Pneuma, 2’33”, 2015

Roberto Liberati (Italia) – Psychogeography, 6’15’’, 2016

Igor Imhoff (Italia) – Zero, 5’35’’, 2014

Silvia De Gennaro (Italia) – This is not a horror movie, 6’29”, 2014

Paolo Bandinu (Italia) – No Country, 2’21”, 2015

Rimas Sakalauskas (Lituania) – Bipolar, 9’59’’, 2015

Piero Chiariello (Italia) – Luce sul mare, 4’16’’, 2015

Selezione Visualcontainer a cura di Alessandra Arnò

Flavio Scutti (Italia) – Rides, 5’26”, 2016

Matteo Pasin (Italia) – Weltanschauung – Il mondo come volontà di rappresentazione, 5’50”, 2016

Sonia Armaniaco (Italia) – No more upgrade, 2’32”, 2016

Debora Hirsch (Brasile/Italia) – ETIX, 1’33”, 2003

Rita Casdia (Italia) – Skin Life, 2’28”, 2014

Riccardo Muroni (Italia) – 010, 11’11”, 2015

Selezione Festival Entre Islas diretto da Adonay Bermúdez

Martinho Mendes (Madeira – Portogallo) – Belladonna, 7’43”, 2015
Curatore: Vítor Magalhães (Portogallo)

canecapovolto (Sicilia – Italia) -Having Fun Not Learing, 8’03”, 2015
Curatrice: Serena Ribaudo (Italia)

Moneiba Lemes (Canarie – Spagna) – First we take Berlin [?], 6’40”, 2014
Curatore: Adonay Bermúdez (Spagna)

Bronwyn Holloway-Smith and Simon Ward (Nuova Zelanda) – Destination Pioneer City, 6’22”, 2012
Curatore: Rob Garrett (Nuova Zelanda)

Luis Mata e Juan Carlos Portillo (Isla Margarita – Venezuela) – Buscando horizontes, 3’17”, 2013
Curatrice: Leyla Dunia (Venezuela)

Jason Mena (Porto Rico) – Meaningless work, 6’23”, 2005
Curatrice: Sofía S. Reeser del Rio (Porto Rico)

Selezione Videoformes a cura di Gabriel V. Soucheyre
Julian Masson (Francia/USA) – Shape Shifter, 4’03”, 2014

Ryo Ikeshiro (Giappone/Inghilterra) – Construction in Kneading, 6’30”, 2013

Hugo Arcier (Francia) – Je pars, 4’44”, 2014

Edouard Taufenbach (Francia) – FROM A TRAIN, 3’40”, 2014

Dalit Sharon & Amichy Bikovsky (Israele) – A Machine for Living, 2’49”, 2015

Bennet Meyer & Iris Schwarz (Germania/Austria) – Artefrakt, 2’56”, 2014

Moïa Jobin-Paré (Canada) – 4min15 au révélateur, 4’44”, 2015

Myriam Boucher (Canada) – Cités, 11’01”, 2015

Jeroen Cluckers (Belgio) – Oneiria, 3’52”, 2014