Sulla rivista interuniversitaria ARABESCHI l’articolo su 887 di LEPAGE di Anna Monteverdi
1043

Veronica D'Auria/ giugno 18, 2018/ Lepage

Il saggio di Anna Monteverdi sullo spettacolo di LEPAGE  887 nella sua veste di “racconto autofinzionale” è stato pubblicato nella rivista interuniversitaria di Catania ARABESCHI  n.11

Lo spettacolo 887 dell’eclettico artista teatrale canadese Robert Lepage è un’incursione nel mondo della memoria, una storia che inizia nei suoi ricordi di infanzia. Attraverso la costurzione di un allestimento scenografico ʻtrasformistaʼ, l’autore si immerge nel cuore della propria memoria, interrogandosi sui suoi meccanismi (Perché ricordiamo il numero di telefono della nostra gioventù, quando dimentichiamo il presente? Perché le informazioni inutili persistono, mentre altre, più utili, evadono?). Il saggio prende in esame il processo creativo dello spettacolo di Lepage alla luce della tecnica dell’ʻautofinzioneʼ, che permette all’artista di alimentare la realtà autobiografica con elementi a metà tra verità e fantasia.

The show 887 directed by the eclectic theatrical Canadian artist Robert Lepage is a foray into the world of memory, a story that begins in his childhood memories. Through the set-up of a scenographic setting ʻtransformativeʼ, the author immerses himself in the heart of his memory, questioning about his mechanisms (Why do we remember the phone number of our youth, while we forget the current one? Why does useless information persist, while others, more useful, escape?). The essay examines the creative process of the Lepage’s show in light of the ‘autofiction’ technique, which allows the artist to feed the autobiographical reality with elements halfway between truth and fantasy.

http://www.arabeschi.it/authors/anna-maria-monteverdi/