Finissage della mostra GIACOMO VERDE: LIBERARE ARTE DA ARTISTI al CAMeC della Spezia(11-12-13 gennaio 2023)
1589

Annamaria monteverdi/ Gennaio 2, 2023/ NEWS

Non sarà facile richiudere quelle scatole della memoria che ci hanno regalato cose inaspettate e straordinarie. Faccio fatica a pensare che il CAMeC della SPEZIA dove ci siamo dati appuntamento per ricordare Giacomo Verde così tante volte, per vedere i suoi video, le sue installazioni, i suoi televisori spaccati, non sarà più la sua casa. Tanti amici e appassionati di videoarte sono venuti da Milano, Roma, Torino, Padova, Treviso, Vicenza, Genova, Bologna e persino dalla Svizzera per vedere la mostra e ne sono rimasti entusiasti. Ringraziamo il Comune della Spezia per questa opportunità unica e per aver riconosciuto il valore di un artista non etichettabile. Resteremo ancora alla Spezia a inventariare i materiali e fotografarli grazie all’opportunità offertaci dell’Assessorato al Patrimonio; a breve uscirà anche il catalogo con la grafica di Gabriele Menconi”. Anna Maria Monteverdi

La prima sala di LIBERARE ARTE DA ARTISTI. PH- A. Bronzini.

Comunicato stampa:

CAMeC | La Spezia 25 giugno 2022 – 15 gennaio 2023

3 giorni di finissage per
Liberare Arte da Artisti. Giacomo Verde artivista

11, 12 e 13 gennaio 2023
a cura di Anna Maria Monteverdi

Una vernice con musica e performance dal vivo, il 25 giugno 2022. Il re-opening del 20 luglio con una tavola rotonda sui fatti del G8 di Genova del 2001 e la proiezione del video-docu d’arte di Giacomo Verde, Solo Limoni, girato durante quei giorni di manifestazioni e proteste. Il re-opening del 9 settembre dedicato alla tecnoarte e interazione con la presentazione della ristampa del libro curato da Silvana Vassallo, e il ripristino tecnico di una tra le prime opere di arte interattiva italiana, Reperto AntropoLogico Uno Nove Nove Sette in prestito dal Museo Ma*Ga di Gallarate. E ancora, il re-opening del 18 novembre dedicato all’intera storia teatrale di Verde dagli anni di Pontedera con Marco Paolini a quelli di Santarcangelo con il Teatro delle Albe fino all’ideazione del teleracconto e del suo speciale teatro ‘tecnologico’ presentato a ogni Festival, mostrando le molteplici esperienze creative con artisti e compagnie tra le più affermate, sia nel teatro di ricerca sia in quello dedicato all’infanzia.

La chiusura di una mostra-evento così ricca non poteva, quindi, che prevedere ben tre giorni di finissage per riaffermare la prismatica personalità artistica di Giacomo Verde.

Le fotografie di Massimo Vitali dello studio di Verde. A destra il “Quadro esploso” . Ph. N. Pittaluga

Mercoledì 11 gennaio, dall’apertura fino alle 17.00, sarà proiettato in loop l’ultimo spettacolo teatrale di Verde, Piccolo diario dei malanni, in versione integrale. A seguire, alle 17.00, Annalisa Maggiani, danzatrice Butoh insieme con il videomaker Mario Morleo presenterà in esclusiva Radici, un omaggio coreutico a Giacomo Verde.

Giovedì 12 gennaio, alle ore 16.30, la curatrice Anna Maria Monteverdi si incaricherà dell’ultima visita guidata alla mostra per la Società Dante Alighieri. L’evento, aperto al pubblico, prevederà anche un approfondimento dedicato a Gli archivi video di Giacomo Verde: dalla conservazione alla digitalizzazione. L’incontro vedrà il contributo di Saul Carassale, esperto di video conservazione, collaboratore della Mediateca Regionale Ligure.

Last but not least, venerdì 13 gennaio dalle ore 16 alle 18 il finissage con l’intervento del designer e artista visivo, Gianfranco Martinelli, e Sabatino Verde, fratello di Giacomo che chiuderanno questi sette intensi mesi di (ri)scoperta dell’artivista, net artist, attore, regista, performer, videoartista, Giacomo Verde.  

CREDITS E INFO

Mostra promossa daComune della Spezia Sindaco e Assessore alla cultura, Pierluigi Peracchini
Dirigente Servizi Culturali, Rosanna Ghirri
e prodotta daCAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea
  con il contributo di       

INFORMAZIONI e CONTATTI

titolo: Liberare Arte da Artisti. Giacomo Verde artivista

sezione a cura di: Anna Maria Monteverdi

in collaborazione con: Andreina Di Brino, Sandra Lischi, Tommaso Verde

direzione del progetto: Eleonora Acerbi e Cinzia Compalati
ufficio prestiti: Cristiana Maucci

progetto grafico: Gabriele Menconi

luogo: CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea, La Spezia, Piazza Cesare Battisti 1

apertura al pubblico: 26 giugno 2022 – 15 gennaio 2023

orari: da martedì a domenica 11.00 – 18.00

biglietti: intero euro 5, ridotto euro 4, ridotto speciale euro 3,50

per informazioni: Tel. +39 0187 727530 | camec@comune.sp.it |http://camec.museilaspezia.it

Share this Post