Live cinema for “Forbidden Zone” di Katie Mitchell
218

annamaria monteverdi/ Aprile 4, 2015/ DIGITAL PERFORMANCE, FOCUS

Per quasi un decennio 59 Productions ha lavorato con la regista Katie Mitchell su una tecnica teatrale chiamata “Live Cinema”, in cui un film è girato in tempo reale sul palco davanti a un pubblico di teatro.

La scenografia che comprendono diverse camere d’epoca dettagliate, la Chicago anni 40, un treno della metropolitana che viene alla luce attraverso il suono elaborato, illuminazione ed effetti.

Forbidden Zone – che ha debuttato al Festival di Salisburgo nel luglio 2014 – è senza dubbio il più ambizioso e complesso di questi pezzi ad oggi. Con più narrazioni che attraversano due fusi orari, il pezzo racconta la storia di Fritz Haber, l’inventore delle prime armi chimiche durante la prima guerra mondiale, e l’effetto che ha avuto sulla sua famiglia da tre generazioni.

Katie Mitchell colloca la storia di tre donne – ancora largamente ignorata dalla storiografia – al centro di un’opera che combina le immagini di film in diretta con un collage di testo da Duncan Macmillan che include testi di Hannah Arendt, Simone de Beauvoir, Mary Borden, Emma Goldman, Virginia Woolf

»The Forbidden Zone” dà una prospettiva in soggettiva sulle grandi catastrofi del 20esimo secolo.

1915 Clara Immerwahr, chimico è la prima donna a cuiviene assegnato un dottorato di ricerca dalla Breslau University, e si ribella contro gli sforzi del marito – il famoso chimico Fritz Haber – contro la sua ricerca in chimica sulle prime armi di distruzione di massa. Fritz Haber sviluppa, attraverso i suoi esperimenti una prima arma a gas velenosa come strumento di distruzione di massa. Come patriota prussiana ardente, egli distribuisce con successo questa arma sul fronte occidentale a Ypres. Prima della sua partenza per il fronte a distribuire il gas, Clara utilizza la pistola di Haber per togliersi la vita in segno di protesta – un evento che è poco riportato dalla stampa. Allo stesso tempo, un’ infermiera sta lavorando in un ospedale militare sul fronte scena Si innamora di un soldato sconosciuto che muore in seguito alla distribuzione di gas velenoso guidata da Fritz Haber.

Mary Borden lavorava in un ospedale da campo sul fronte occidentale e in seguito scrisse »The Forbidden Zone”, un resoconto in prosa delle sue esperienze. La nipote di Clara Immerwahr , Claire prende posizione in un laboratorio USA-chimica, dove si dedica all’uso pacifico della scienza. Quando, nel 1949, il lavoro sulla ricerca di un antidoto al gas fosgene è terminata, Claire è piena di disperazione. Prende la metropolitana di Chicago dove si suicida. Detto dal punto di vista di Claire durante il viaggio finale in treno della sua vita, »The Forbidden Zone« usa flashback che intrecciano i destini di queste tre donne con testi di Mary Borden e altre importanti voci femminili contemporanee contro la guerra in un collage teatrale 100 anni dopo il breakout della prima guerra mondiale.

Questo è il teatro contemporaneo in una forma cinematografica, con immagini dello schermo vengono creati dal vivo sul palco in tempo reale. Il dramma si muove a velocità da brivido tra una serie di sedi in Europa e in America e gli eventi nel 1949 e nel 1915.

http://managingmayhem.co.uk/101517150/

Share this Post